martedì 9 aprile 2013

FOTO :  BELLA E ... PER GLI AMICI NAPO ( STORIA DI SNAPORAZ)


... - Così Federico Fellini parlava dello Snaporaz (era questo il nomignolo fumettistico che aveva scelto per il suo Mastroianni): l' amico più grande, il migliore. Nel senso della fedeltà, della sincerità. Nel senso di una complicità così profonda da non avere mai bisogno di conferme, così misteriosamente totale da rendere superflua o non condizionante persino la frequentazione. Il loro era un incontro speciale, fatto di cose troppo semplici e troppo importanti... - (archivio Repubblica.it)

Il mio vicino mi racconta : - Un giorno, nel 2001, una cagnolina, che non sembrava tanto in forma da partorire, da alla luce cinque cuccioli, i miei amici mi contattano e me ne propongono uno, scelgo questo batuffolo pezzato dallo sguardo dolce ed affettuoso e con la desiderata prospettiva di una solida e longeva amicizia decido di chiamarlo, essendo io appassionato di cinema, SNAPORAZ. Il nome si rivela, come potete immaginare, difficile sia per lui che per gli umani e quindi comincio amichevolmente a chiamarlo NAPO. - 

Io vi posso garantire, li vedo ogni giorno, che l'incontro speciale di allora continua ad essere unico ancora nel 2013...
Posta un commento